SVEZZAMENTO LIBERO DAL GLUTINE

Condividi questa ricetta

Questo è il secondo articolo in cui il Team Nutrizionale del Poliambulatorio Kimeya offre consigli, suggerimenti, informazioni utili per tutte noi mamme piene di dubbi ma anche di tanto amore verso i nostri bambini, oggi ci parlano dello svezzamento libero dal glutine.

– – –
Raggiunti i 6 mesi circa di vita il latte materno o quello in formula non riescono più a soddisfare tutti i fabbisogni nutrizionali, in particolare di micronutrienti come ferro e zinco. Per questo diviene necessaria l’introduzione di altri cibi e/o bevande attraverso lo svezzamento. Ma come ci si deve comportare in caso di familiarità o sospetto di celiachia?
Innanzitutto bisogna prendere in considerazione le cause di sviluppo di questa intolleranza per capire se lo svezzamento possa in qualche modo influenzare l’insorgenza della malattia celiaca. Tra i fattori di rischio, oltre alla predisposizione genetica che ha un ruolo cruciale, esistono anche alcuni fattori ambientali che giocano un ruolo rilevante.
In passato si è ipotizzato che il momento d’introduzione del glutine nell’alimentazione dei neonati o la durata dell’allattamento al seno potessero influenzare la comparsa di questa intolleranza. In realtà si è scoperto che in nessuno dei due casi si aveva un effetto preventivo e che i tempi d’introduzione del glutine potevano al massimo anticipare o posticipare l’esordio della malattia, ma non ne influenzavano lo sviluppo.

 Designed by freepic.diller / Freepik

Dal momento che attraverso lo svezzamento non siamo in grado di ridurre il rischio di insorgenza della malattia celiaca, secondo l’ESPGHAN (la Società Europea per la Gastroenterologia Pediatrica, Epatologia e Nutrizione) il glutine può essere introdotto nella dieta del bambino in qualsiasi momento tra i 4 ei 12 mesi, cercando, almeno nei primi mesi, di evitare grandi quantità di glutine. Nonostante il rischio di sviluppare la malattia celiaca avvenga esclusivamente in persone geneticamente predisposte, poiché questa predisposizione non è nota in un neonato al momento dell’introduzione di alimenti solidi, le raccomandazioni si dovrebbero applicare a tutti.
Nel caso in cui si ha il sospetto che il bambino presenti la malattia celiaca si consiglia di rivolgersi al pediatra per fare indagini più approfondite. Si dovrebbe evitare l’esclusione del glutine dall’alimentazione prima di aver effettuato accertamenti a riguardo, il chè renderebbe la diagnosi più complessa.

Diversamente, in presenza di diagnosi di celiachia nel bambino si dovrà seguire un’alimentazione aglutinata a partire dallo svezzamento.

La scelta dovrebbe ricadere su prodotti naturalmente privi di glutine, che generalmente sono meno ricchi in grassi e carboidrati ad alto indice glicemico. Inoltre si dovrebbero preferire le preparazioni casalinghe ai baby food industriali, che non apportano alcun vantaggio nutrizionale rispetto ad altri alimenti e possono avere un contenuto elevato di zuccheri aggiunti. Per cui la buona educazione da parte dei genitori è fondamentale per dare il buon esempio e trasmettere corrette abitudini alimentari.

Designed by Freepik

È bene, ad esempio, abituare il bambino ai nuovi sapori con preparazioni semplici e poco elaborate, avendo l’accortezza di non aggiungere, o limitare il più possibile, l’aggiunta di sale e zucchero, utilizzando invece erbe aromatiche o verdure per insaporire.

Dobbiamo anche ricordare che i bambini sono provvisti della capacità di autoregolare la quantità di cibo di cui necessitano. Per questo bisogna imparare a riconoscere i loro segnali di fame e sazietà, evitando forzature o restrizioni alimentari.

Diversamente, in presenza di celiachia andrebbe seguita un’alimentazione priva di glutine a partire dallo svezzamento. In questo caso andrebbero preferiti alimenti naturalmente privi di glutine e preparazioni casalinghe ai prodotti industriali, limitando il più possibile l’aggiunta di sale e zuccheri.

Quando il bambino si sarà abituato a mangiare un po’ di tutto, attraverso piccoli assaggi, andrebbero proposti i pranzi e le cene.
La fonte di cereali, come riso, miglio, quinoa o amaranto, dovrebbe sempre essere presente, anche sotto forma di derivati come farina, pasta o pane ricordandoci però di evitare le versioni integrali. Infatti durante l’allattamento la fibra è assente, per cui bisogna dare tempo al suo apparato digerente di abituarsi. Inoltre, l’eccesso di fibre tende a catturare i nutrienti presenti negli alimenti riducendone l’assorbimento.
Le prime pappe potrebbero essere composte da:
brodo vegetale, iniziando con la sola acqua di cottura degli ortaggi per poi aggiungere in un successivo momento qualche cucchiaio di verdura passata;
farina di cereali, alternando quelle semi-integrali a quelle raffinate;
• parmigiano o ricotta di siero, che tra i formaggi sono quelli meglio tollerati;
olio extravergine d’oliva a crudo.
Ricordiamoci infine che durante i primi 1000 giorni di vita il bambino scopre nutrienti, consistenze e sapori attraverso la varietà di alimenti con cui entra in contatto, arrivando a definire le sue preferenze alimentari che tendono a mantenersi fino all’età adulta. Per questo è importante che gli vengano proposti più alimenti possibili e che il bambino familiarizzi con questi. Il suo desiderio di conoscenza passa attraverso il toccare e il portare alla bocca le cose, per cui inizialmente è fondamentale armarsi di pazienza di fronte ai possibili pasticci in cucina.

Designed by bearfotos / Freepik

Lo svezzamento sembra non influenzare l’insorgenza della malattia celiaca. Per questo, anche in presenza di una predisposizione genetica alla celiachia, gli alimenti contenenti glutine possono essere introdotti a partire dai 4 ai 12 mesi, evitando comunque eccessive quantità. Diversamente, in presenza di celiachia andrebbe seguita un’alimentazione priva di glutine a partire dallo svezzamento.

In questo caso andrebbero preferiti alimenti naturalmente privi di glutine e preparazioni casalinghe ai prodotti industriali, limitando il più possibile l’aggiunta di sale e zuccheri.

Ma un ruolo centrare nello stabilire le future preferenze alimentari in età adulta lo hanno la varietà di alimenti con cui il bambino entra in contatto nei primi 2 anni di vita. Per questo è importante fargli sperimentare sempre nuovi sapori e consistenze!

Condividi questa ricetta
Leggi di più

Ciambellone al cacao senza glutine

Alzi la mano a chi non piace una bella, morbida e profumata ciambella sulla tavola imbandita per la colazione con tè e con il profumo del caffè appena versato nella tazza dalla moka borbottante. Il ciambellone al cacao è ottimo…

Leggi di più

Tagliatelle senza glutine al sugo di pesce

Senza glutine, senza uova, senza latte e lattosio Cucinare il pesce ai bambini è sempre una sfida, a loro piace quello senza spine e cucinato in modo semplice. Non sempre si riesce ad accontentare i palati dei più piccoli, diciamoci…

Leggi di più

Ciambella yogurt e mele senza glutine 🍎

Una torta semplice perfetta per la colazione dei nostri bambini 🤗 Ricetta Bimby Italia e rivistata in versione senza glutine dalla mia amica Camilla 😘 Se non possedete il Bimby, no problem!, impastate tutti gli ingredienti in una ciotola o…

Leggi di più
Merenda Scolastica Gluten Free

MERENDA SCOLASTICA GLUTEN FREE

Questo nuovo articolo è il primo di una serie in cui il Team Nutrizione del Poliambulatorio Kimeya offre consigli, suggerimenti, informazioni utili per portare nelle nostre tavole cibi gustosi gluten free ma anche maggior consapevolezza rispetto a quello che mangiamo.…

Leggi di più