skip to Main Content

Pane montanaro senza glutine

Condividi questa ricetta

Classico pane casereccio, il nostro è ancora più tipico perché è senza glutine, risulta di pasta compatta e si mantiene per giorni.

PANE MONTANARO SENZA GLUTINE

 

Ingredienti per la biga:

200 gr di farina per pane (io ho usato Vivifree Molino Spadoni)

200 gr di acqua

2 gr di lievito di birra o mezzo cucchiaino raso di lievito secco

Ingredienti per l’impasto finale:

tutta la biga

300 gr di farina per pane (io ho usato Vivifree Molino Spadoni)

150 gr di acqua (la quantità di acqua dipende dalla farina, più o meno sottile)

2 cucchiaini di sale

  1. Prepara la biga: in una ciotola metti l’acqua, il lievito, la farina e amalgama bene con una forchetta. Copri con pellicola per alimenti e lascia lievitare a temperatura ambiente per 8-12 ore. La biga la puoi preparare la sera e lasciarla lievitare tutta la notte oppure prepararla la mattina per avere il pane la sera.

PANE MONTANARO SENZA GLUTINE

2. Questa è la biga lievitata.

Pane montanaro senza glutine

3. Nella ciotola dell’impastatrice versa la tutta la biga con l’acqua e dopo qualche minuto aggiungi la farina poco alla volta, per ultimo aggiungi il sale. Lascia impastare la macchina per 10-15 minuti o fino a quando l’impasto sarà ben amalgamato.

4. Su un piano infarinato, con farina di riso senza glutine, forma una pagnotta e mettila direttamente sulla teglia rivestita con carta da forno, copri e lascia lievitare per circa due ore.

5. Per cuocere il pane: metti la teglia nel forno spento, accendilo alla massima temperatura per 35 minuti funzione statico poi abbassa la temperatura a 180° per 15 minuti.

6. Lascia raffreddare la pagnotta nel forno leggermente aperto, questo serve ad avere una crosta più croccante.

Il consiglio di Margharet: ti consiglio di tagliarlo a fette e congelarlo. Io lo scongelo la sera e lo tengo a temperatura ambiente avvolto nella carta da cucina e carta alluminio, la mattina è pronto per la merenda di mio figlio.

 

 

 

Condividi questa ricetta
This Post Has One Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top